CasaXP - News

Posted by casaXP on luglio - 14 - 2011 13 Comments

E’ il momento di comprare casa? Questa è la domanda che mi è stata fatta da un’amica che, avendo accantonato degli euro, stava valutando alcune possibilità su come collocarli.
La risposta è ovviamente complessa, immobili di che tipo? Per investimento? Per abitarci? Quanta importanza hanno, nella quotidianità, i consumi energetici e le classi energetiche? Quanto si è abbassata la richiesta di chi deve vendere in questo particolare momento di mercato?

Mi occupo da anni di immobili, li progetto, ne seguo la costruzione ed ho la fortuna di avere il contatto con chi questi immobili li edifica e con chi li compra e li utilizza. Sicuramente le esigenze familiari sono cambiate, le famiglie sono sempre meno in casa e di conseguenza sembrano non più necessari degli spazi ampi, ma si rendono indispensabili degli alloggi ben organizzati, oggi è cardine nella progettazione valutare il posizionamento della lavatrice e dell’asciugatrice … chiedete a qualunque signora di casa se quando analizza un immobile, non pensa a dove mettere questi due elettrodomestici!! Anche per quegli appartamenti destinati alla locazione, risulta importante la loro distribuzione, anche perché gli arredi hanno un’incidenza minore se l’immobile si presta a un arredamento commerciale, così com’è oggetto di valutazione per chi lo abiterà.

I consumi e le classi energetiche, tasto dolente per noi tecnici, ma l’esperienza come sempre ci viene in aiuto. Appena letta la norma, torno a parlare in modo personale e non per la categoria, ho pensato … ma cosa ci chiedono? Delle case che hanno costi di gestione pari a zero? L’obiettivo è proprio quello, esistono? Sì, poche ma ne abbiamo già più di qualche esempio. Incide sui costi in fase di acquisto? Certamente sì, ovviamente più alta è la classe energetica e di conseguenza la tecnologia presente nel fabbricato, e più il fabbricato stesso costa, con tre vantaggi importanti. Dal primo anno di gestione è evidente e tangibile il risparmio nelle bollette, il secondo il confort abitativo di questi appartamenti è elevatissimo, in parole semplici si vive meglio la casa! Il terzo, da non sottovalutare, in fase di rivendita è spesso ago della bilancia nella scelta e nella determinazione del prezzo quanto queste tecnologie sono presenti.

Il prezzo è sceso negli ultimi anni? Io non me la sento di dire che immobili di nuova costruzione sono stati “svenduti”, pur non avendo elevato le richieste degli anni precedenti, non ho incontrato costruttori pronti a cedere il fabbricato sottocosto. Ho visto impresari convertire vendite in affitti, a fronte di questa crescente richiesta. D’altro canto non ho nemmeno visto l’aumentare dei prezzi con l’evolversi della costruzione, insomma non ho visto l’affare nel comprare “sulla carta” e l’adeguarsi nel comprare a tetto, o meglio non l’ho visto a livello di prezzo. Il vantaggio di acquistare su carta rimane nel poter interagire attivamente nella distribuzione dei locali in base alle esigenze della singola famiglia, la camera più piccola, il bagno più grande, cosa che purtroppo non si può fare se l’edificazione è già in fase avanzata, o il farlo diventa sicuramente oneroso.

Quali le conclusioni? In modo scontato, visto il lavoro che faccio, è che “il mattone” è sempre un ottimo investimento. Però con attenzione nella scelta, nell’impresa costruttrice, con una valutazione accorta del progetto relazionato alla propria quotidianità.

Un’ultima parola, anche questa sicuramente di parte, farsi affiancare in questo importante investimento da tecnici competenti e parlo di geometri, architetti, agenti immobiliari, sicuramente è un costo, ma spesso, molto spesso, risulta essere anche un buon investimento per non trovarsi coinvolti in quella giungla burocratica che a volte degenera in mala fede a discapito della buona riuscita dell’opera.

Paola

Related Posts:

Categories: "La Voce dei Lettori"

13 Responses so far.

  1. Fondamentale oggi avere 100% chiara tutta la situazione documentale del bene.

  2. Giuseppe scrive:

    Bell’articolo che offre interessanti e molteplici spunti di riflessione, dal punto di vista di chi ha a che fare quotidianamente con le esigenze abitative di chi cerca casa, ritengo molto sottovalutata, e secondo me meritevole di particolare attenzione, la distribuzione interna degli alloggi in costruzione. Se da un punto di vista è vero che comprare “sulla carta” ha il vantaggio principale di poter permettere all’acquirente di personalizzare l’alloggio per renderlo piu’ confacente alle specifiche esigenze del cliente, è anche vero che in taluni casi se si è tra i primi acquirenti, ci sono piu’ probabilità di ottenere uno sconto sul prezzo dell’immobile. Altro discorso purtoppo, è quando l’immobile in costruzione è già diviso internamente, spesso infatti si tratta di suddivisioni degli spazi interni quantomeno discutibili, come disimpegni molto ampi con poi una zona giorno ridotta ai minimi termini, o angoli cottura quasi inarredabili, con una sala spaziosa dove magari ci poteva stare una cucina separata. Questi sono solo un paio di esempi ma ce ne sono purtroppo molti, che creano difficoltà non indifferenti di vendita dell’immobile, a volte deprezzando l’appartamento stesso, poichè se è possibile ridistribuirlo cio’ ha un costo spesso importante, per questo il progettista è fondamentale! Ciao e complimenti per il sito

  3. Massimiliano scrive:

    Voglio augurarmi che il cittadino cominci a valutare l’acquisto di Immobili con determinate caratteristiche “evolute” Risparmio energetico etcc.
    Capisco che per posizioni particolari del territorio (vedi centri storici etcc) non sarà possibile scegliere…ma se intanto si comincia da dove è possibile ..forse riusciamo a dare un segnale di “Risveglio” e di conseguenza, a dare il giusto valore ad una costruzione del 1970 ed una nuova costruzione con queste (a mio avviso) fondamentali caratteristiche.

  4. alessia scrive:

    Acquistare casa al giorno d’oggi è un passo importante anche perchè l’accesso al credito nn è così facile come alcuni anni fa, e il precariato è diffuso soprattutto nei giovani, perciò sarebbe meglio affidarsi a professionisti del settore che sappiano dare le dritte giuste.

    • Marco scrive:

      Il problema del credito è evidente. SOno cambiate tante cose velocemente nel sistema creditizio. Ora le banche finanziano con più prudenza e attenzione e non sono più disposte ai vecchi mutui al 120%

  5. stefano scrive:

    Ho letto con interesse l’argomento. La malafede a cui si fa riferimento nell’articolo, se è fastidiosa sempre, lo è ancor di più quando colpisce i risparmi di una vita; in tempo di crisi, le possibilità che qualche componente della filiera edile, ceda alla tentazione del “risparmio nel costruire”, sono più alte. La parte debole è sempre l’utilizzatore finale.
    Sia chi acquista per investimento che chi pensa alla “propria” casa ha bisogno di essere seguito, ma nella giungla dell’offerta di servizi di consulenza in ambito immobiliare, come fare a scegliere il giusto professionista?

    • Paola scrive:

      Caro Stefano … il giusto professionista???
      Intanto iniziamo a dare valore al lavoro serio di chi ha anni di esperianza alle spalle … insomma non sempre la parcella più bassa è quella che coincide con le competenze.
      Inoltre il bagaglio di lavori già svolti è un importante segno di formazione del professionista … poi vorrei scagliare una pietra a favore degli agenti immobiliari che molto spesso sono considerati malissimo, anche qui … come in ogni campo ci sono quelli che si inventano e quelli che invece hanno una formazione che li rende estremamente preparati, insomma un consiglio come base di partenza … diffidate da chi dice “si può fare tutto senza problemi”

      • stefano scrive:

        Ok, rimane aperta la domanda. Per una persona comune non è semplice scegliere il professionista: non è che ogni giorno uno si mette a guardare i cartelli fuori dagli edifici in costruzione o in ristrutturazione prendendo nota.. e nel caso degli agenti immobiliari ancora peggio capire se sono professionali o meno, se non hai già avuto a che fare o conosci qualcuno che ha lavorato con loro. La verità è che non esistono elementi ogettivi che tutelino il consumatore dall’evitare un “inc…ubo” immobiliar-edile. Ti fidi del passaparola e speri.

  6. Alessandra scrive:

    Condivido anch’io quanto esposto dalla collega. Ritengo che il comprare casa sia un investimento importante e pertanto sia fondamentale farsi affiancare da chi ha le competenze tecniche adatte. Parlo di agenti immobiliari(e vi assicuro che di seri se ne trovano), che possano seguire l’aspetto di compravendita, e di tecnici, geometri o architetti che siano, che possano valutare sia l’aspetto qualitativo della costruzione e sia dare concretezza alle reali esigenze del cliente.
    Quindi ottimo l’articolo di Paola e grazie per il vostro sito che è sempre aggiornato e attendibile.

  7. Paola scrive:

    Concordo pienamento sul farsi affiancare da tecnici competenti!

  8. Marco scrive:

    Condivido l’analisi fatta. La progettazione la definirei fondamentale con un occhio attento alle richieste del mercato. Le normative sono in continua evoluzione, anche se molti costruttori non vogliono ancora adeguarsi.
    I costi di costruzioni e accesori purtroppo sono aumentati pertanto è fondamentale acquistare bene il terreno per essere competitivi sui prezzi.
    Ultima cosa il mattone è sempre il mattone ed è un ottimo investimento con discrete rendite visto il trend borsistico. ciao e complimenti per questo sito.
    Marco

Leave a Reply


*

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

  • RSS
  • Facebook
  • Twitter

Search Site

Popular Posts

nba throwback jersey

hard work leads to nhl jersey history success Every ounce ...

domanda

FIAIP FIMAA ANAMA: D

Ci siamo cascati anche quest’anno! Abbiamo rinnovato la “Nostra bella ...

professionisti

Categorie e rapprese

Ordine e collegi, albi e ruoli, associazioni. Con funzioni e ...

GroupDiscussion-full

AGENTI IMMOBILIARI V

Quante volte è capitato di essere praticamente certi di aver ...

remax

RE/MAX Italia lancia

RE/MAX Italia, filiale del più diffuso network di franchising immobiliare ...

acquistare-casa[1]

E' il momento di com

E’ il momento di comprare casa? Questa è la domanda ...